Il marketing al tempo dei social. Facebook, Instagram e YouTube sul podio

Cresce sempre di più la percentuale delle aziende italiane che utilizza almeno un social media per condurre le attività di marketing e comunicazione. E se Facebook resta al primo posto nella classifica dei canali più utilizzati, il social media che segna il maggior tasso di crescita è Instagram.

La conferma arriva dai dati della ricerca La SocialMediAbility delle aziende italiane, condotta dall’osservatorio dell’università Iulm. La ricerca studia il modo in cui le aziende utilizzano i social network per le attività di marketing e comunicazione, e dal 2010 monitora un panel di 720 aziende italiane appartenenti a 5 settori di attività, alimentare, bancario, arredamento, hospitality, e abbigliamento. Ai quali quest’anno è stato aggiunto un campione di 120 aziende che operano nel settore della cura per la persona.

Facebook è utilizzato dall’81% delle aziende

Secondo i risultati della ricerca la percentuale delle aziende che utilizza almeno un social media per le attività di comunicazione e marketing è passata dal 73% del 2015 all’80% del 2018. E Facebook si conferma come il canale social più utilizzato, attivato dall’81% delle organizzazioni. Una percentuale, tuttavia, rimasta più o meno stabile rispetto a 3 anni fa, quando Facebook risultava utilizzato dal 79% delle aziende.

Instagram cresce di più, YouTube usato dal 51% delle aziende

Il social media che rileva il maggior tasso di crescita, però, è Instagram. Rispetto a una quota pari al 34% rilevata nell’edizione precedente, nel 2018 Instagram è infatti presidiato dal 55% delle aziende. Inoltre, in termini di coinvolgimento, ovvero confrontando il tasso medio di engagement, è indubbiamente il canale che ottiene le migliori performance. Il terzo social più utilizzato è Youtube, usato dal 51% delle aziende, secondo le quali i video che risultano essere in grado di ottenere più reazioni da parte degli utenti sono quelli empatici, ovvero in grado di trasmettere esperienze, emozioni, valori.

Un campione casuale articolato per dimensioni

Caratteristica unica dell’osservatorio è quella di prendere in considerazione per ogni settore analizzato un campione casuale di aziende articolato per dimensioni (40 grandi, 40 medie e 40 piccole), in grado di rappresentare effettivamente lo stato dell’arte del sistema. Senza limitarsi a descrivere le ottime performance delle grandi aziende. I dati, riporta Adnkronos, offrono a marketer, dirigenti aziendali e operatori gli scenari di riferimento relativi ai diversi settori di attività analizzati, e un modello di analisi replicabile sulla cui base parametrare le performance della propria azienda.