I benefici di uno stile slow iniziano dalla colazione

Ritmi di vita troppo veloci, impegni lavorativi, routine quotidiana, obblighi familiari, iperconnessione provocano ansia, senso d’inadeguatezza, e depressione. Quasi la metà degli italiani vuole rimediare, magari iniziando a cambiare la scala di priorità ai diversi momenti della giornata.

Ma a quale momento della giornata è opportuno dedicare maggior tempo? Secondo gli italiani per tornare a vivere in maniera più slow sul podio delle priorità ci sono la colazione, il tempo con i figli, la spesa e la cura della persona. E in occasione della Giornata della Lentezza, il 6 maggio, Isola Bio Lab, l’osservatorio che analizza i trend legati al mondo della colazione, ha condotto uno studio sui benefici di uno stile di vita più slow. Che iniziano proprio da una colazione lenta e corretta.

Per 4 italiani su 10 la mattina è sacra 

Ma perché è proprio la colazione il momento che si vorrebbe vivere con meno frenesia? Secondo lo studio per 4 italiani su 10 la mattina è sacra perché è il momento d’inizio della giornata. Altri vorrebbero dedicare più tempo alla colazione per gustare meglio ciò che si mangia, e per avere maggior tempo per ricaricarsi e pensare. E cosa preferiscono consumare a colazione gli italiani che decidono di vivere in maniera più slow? Al primo posto il caffè, seguito da cereali, succhi e bevande vegetali, biscotti  e fette biscottate.

La colazione secondo gli esperti

Del resto, l’importanza di dedicare il giusto tempo a una sana e ricca colazione è sottolineata anche da ricercatori, nutrizionisti ed esperti. “La colazione è da considerarsi un pasto fondamentale per ricominciare la giornata pieni di energia – afferma la dottoressa Annalisa Olivotti, specialista biologo nutrizionista presso l’Università di Firenze -. È importante che ci siano tutti i principi nutrizionali: carboidrati, proteine, lipidi. La colazione ideale è composta da una bevanda calda come tè, tisane, latte vegetale abbinato a qualcosa di solido come pane, fette biscottate multicereali, marmellata, biscotti integrali”.

“Avere il tempo di fare le cose per bene”

Diversi studi e ricerche dimostrano come si abbia sempre più bisogno di decelerare, e vivere gli impegni quotidiani con meno frenesia. Da una recente indagine pubblicata sul New York Times risulta poi che basta già solo rallentare e modulare il proprio respiro per sentirsi meglio, mentre Chris Streeter, professore di neurologia alla Boston University, ha scoperto che bastano pochi minuti di meditazione per diminuire significativamente i sintomi depressivi e aumentare i livelli di acido-aminobutirrico, un ormone con effetto calmante.

Ma uno stile di vita più slow, riporta Ansa, è promosso anche da intellettuali, sociologi e scrittori. Come il cileno Luis Sepúlveda, il quale in uno dei suoi ultimi libri, dal titolo Storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza, dichiara espressamente che è fondamentale cercare il “tempo di fare le cose per bene”, senza farci stritolare dalla velocità tipica della società dell’informazione.