Dalle Università di Padova e Harvard arrivano i pantaloni anti-cadute per gli anziani

L’instabilità rappresenta la prima causa di cadute fra gli anziani, con il relativo rischio di fratture e aumento della disabilità, nonché dei costi sanitari e sociali correlati. L’invecchiamento fisiologico modifica infatti il controllo muscolare e la percezione del corpo nello spazio, condizionando la postura e la stabilità durante la marcia. Ma in aiuto arrivano i pantaloni anti-cadute, che tengono in piedi gli anziani e li aiutano a muoversi mantenendo l’equilibrio. Si tratta di una sorta di esoscheletro morbido, con l’integrazione di biosegnali muscolari e cerebrali che riducono l’instabilità della marcia.

Prima fase del progetto: mappare il controllo del cammino

I pantaloni anti-cadute sono al centro del progetto di prevenzione delle cadute nella popolazione anziana, condotto dall’università di Padova in collaborazione con la Harvard Medical School. Il progetto, finanziato dal ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, si articola in due fasi sequenziali. Nel corso della prima fase, nel Laboratorio di Analisi del movimento, Unità di Riabilitazione, verranno acquisite “la cinematica articolare, e cioè le modalità del cammino di ciascun individuo, associate all’attività cerebrale e muscolare, in soggetti anziani sani  – spiega Alessandra Del Felice del Dipartimento di Neuroscienze UniPd -. Potremo così mappare il controllo del cammino e utilizzare queste informazioni per controllare un dispositivo innovativo per la prevenzione delle cadute nell’anziano”.

Piccoli motori meccanici integrati nell’esoscheletro supportano il movimento

Il programma di ricerca vede appunto la collaborazione dei due gruppi, l’Harvard University, ideatore dell’attuale prototipo), e l’università degli Studi di Padova, dove è forte il know-how nel campo dell’analisi dei segnali cerebrali, dell’analisi del movimento e dei software intelligenti per la robotica.

Il dispositivo, riporta Adnkronos, è stato infatti prodotto dal Laboratorio di Harvard. Si tratta appunto di un esoscheletro morbido che si configura come un capo di abbigliamento, nella fattispecie pantaloni, nei quali sono integrati piccoli motori meccanici che possono supportare il movimento. Nella seconda parte del progetto i segnali cerebrali e muscolari saranno integrati all’interno dell’esoscheletro morbido, che individuando segni di instabilità invieranno un segnale a questi attuatori per prevenire la caduta.

Un robot morbido indossabile (e commercializzabile) per l’arto inferiore

La prevenzione delle cadute è uno degli obiettivi delle politiche sociosanitarie per la promozione dell’invecchiamento attivo, ricordano dall’ateneo padovano. Il progetto si propone quindi di rispondere a questa necessità, sviluppando un controllore neuromuscolare integrato in un robot morbido indossabile (exosuit) per l’arto inferiore.

“La collaborazione tra Padova e Stati Uniti – sottolinea la docente – porterà allo sviluppo e alla potenziale commercializzazione di una strumentazione con un ampio mercato, rinforzando la collaborazione stessa tra queste due università”.